Vite contro le mafie

Memoria e impegno

Le storie di tanti giornalisti e magistrati, ma anche sacerdoti, questori, agenti  e  “semplici” persone, che dedicano la loro vita alla lotta in prima linea alle mafie e al malaffare.

In un paese dove troppo spesso abbiamo visto portare indifferenza ai vivi per poi adorarli dopo morti, accendiamo le luci sulle storie di chi questa guerra la sta ancora combattendo e la continuerà a combattere, non solo per una questione di professionalità, ma anche per regalare a tutti noi un posto migliore dove vivere.

0
Giornalisti minacciati in Italia dal 2006

Le nostre

Cattura
< class="entry-title obfx-grid-title"> Ritratti di città, il documentario Rai su Latina
La puntata della serie…
1984_by_alcook-d4z39dh
< class="entry-title obfx-grid-title"> Orwell e il 1984 dirottati dal populismo: perchè non dovremmo citarli per lamentarci delle restrizioni causa Covid
Ma se 2+2=5 non…
Mal-Leggo-Roberto-Trombetta-Luisa-Ingravalle
< class="entry-title obfx-grid-title"> Lanciata la piattaforma pontina “Mal-Leggo”, punto di riferimento del mondo DSA
Dopo un bando, un…

Vite contro le mafie

Sono professionisti di frontiera, spesso giovanissimi. In molti casi lavorano per pochi euro ad articolo, senza tutele contrattuali né legali. Oppure sono magistrati che vivono in case e auto blindate senza più una vita sociale. In un paese dove troppo spesso abbiamo visto portare indifferenza ai vivi per poi adorarli dopo morti, Passeggeri Attenti sceglie di accendere le luci sulle storie di chi questa guerra la sta ancora combattendo e la continuerà a combattere, non solo per una questione di professionalità, ma anche per regalare a tutti noi un posto migliore dove vivere.