BUFALE DAL WEB – ll presidente della repubblica non può nominare i ministri

arrigo

Il Presidente della Repubblica ha un ristretto margine di discrezionalità nella scelta del Presidente del Consiglio (mentre non ne ha alcuno nella scelta dei ministri, formalmente demandata al Presidente del Consiglio), proprio perché egli dovrà tenere nel debito conto le indicazioni che gli vengono date da parte di coloro che sono gli interpreti della volontà e degli orientamenti del paese e delle forze politiche rappresentate in Parlamento.

Parrebbe un testo chiaro, e viene indicato come un frammento del manuale di Diritto Costituzionale per studenti universitari Temistocle-Martines, ed. Giuffrè (nonostante alcuni analfabeti funzionali vaganti abbiano deciso di riattribuirlo a Costantino Mortati per motivi sconosciuti)…

E questa parte, ma solo questa parte, corrisponde al vero.

Il problema è duplice però:
  1. Per quanto autorevoli, i manuali per studenti non sono fonte del diritto. Sono, appunto, materiale di studio che tratta di ipotesi scolastiche
  2. Siamo ad un caso di disinformazione del Titanic, come amiamo chiamarla, laddove si estrapola una parte da un contesto più ampio certi del fatto che il lettore non si cercherà mai il contesto di riferimento (esattamente come un disinformatore potrebbe raccontare che Titanic di James Cameron è una storia d’amore a lieto fine che si conclude col bel Jack e l’affascinante Rose che si innamorano, ed avere ragione finché qualcuno che al cinema è rimasto anche dopo non gli racconterà che nel finale Jack muore e Rose vive una vita nel rimorso e col cuore infranto)

Innanzitutto, partiamo dal testo dell’art. 92 della Costituzione

Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri“.

Chi è il soggetto? È evidente, il Presidente della Repubblica.

fonte BUFALE.NET

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*