La Bellezza

Condividi sui social l'articolo di Passeggeri Attenti -

Percezione è una bella parola. La custodisco gelosamente con le altre mie preferite come piuttosto, tuttavia, sepolto, eppure, bastasse. Ce ne sono altre in realtà ma non le ricordo al momento. Se a “percezione” ci aggiungiamo “della bellezza” il concetto diventa assai più articolato. Coniugare estetica e politica, splendore e città, infatti, può sembrare un’idea decisamente azzardata oggi, mentre era comune e fondamentale nella vita della Grecia antica di Pericle. Con il sindaco Coletta sembra tornare di moda anche a Latina però. L’idea è stata quella di nominare un nuovo assessore della giunta che avrà come delega appunto, “alle cose belle”. La percezione della città a Latina (ma non solo) è più che altro social, invece. Lo sanno bene gli specializzati nel cavalcare la rabbia. Palate di immagini di cassonetti, cartacce, topi, cavallette, divani, fontane senza acqua, fontane con acqua verde, fontane con i caschi dentro. Sommersi di immagini e di video che non si vedono nemmeno nei peggiori programmi che danno nei canali tv che stanno dopo il 9. Probabilmente se i comuni d’Italia fossero gestiti da imprese di giardinaggio oggi non avremmo progetti e grandi opere, ma sicuramente cittadini soddisfatti. L’assessorato alla bellezza arriva proprio per questo, una bella paraculata. Qualcuno che si occupa dell’apparenza in modo da lasciar lavorare più serenamente chi si occupa della sostanza (si spera). Qualcuno che da il contentino ad un dibattito politico sempre più basso, il vero protagonista di tutta questa storia.


Condividi sui social l'articolo di Passeggeri Attenti -

Leave a Comment

*